Ancona-ChiesaPortonovo Retro.jpg
Ancona-ChiesaPortonovo Retro” di xdxd_vs_xdxdFlickr: REFF on Tour. Ancona, Osimo, Macerata. Con licenza CC BY-SA 2.0 tramite Wikimedia Commons.

Abaziasanvittorefrasassi.jpg
Abaziasanvittorefrasassi” di Massimo Roselli – http://massimo.roselli.info. Con licenza CC BY-SA 2.5 tramite Wikimedia Commons.

Due Abazie Benedettine delle Marche

La Chiesa di Santa Maria di Portonovo di Ancona e quella di San Vittore alle Chiuse di Genga, due esempi di stile romanico nelle Marche, che hanno molto in comune, forse entrambe sono state costruite per uno scopo, che attualmente non conosciamo. Entrambe le chiese sono state edificate in un complesso monastico benedettino. La Chiesa di Santa Maria di Portonovo sembra essere stata iniziata a costruire intorno al 1034, mentre quella di San Vittore alle Chiuse nel 1060-1080, anche se l’esistenza del complesso monastico intorno ad essa, risulta da alcune documenti essere presente fin dal 1007(Fonte:it.wikipedia.org/wiki/Chiesa_di_Santa_Maria_di_Portonovo, it.wikipedia.org/wiki/Abbazia_di_San_Vittore_alle_Chiuse). Sappiamo che nel Medioevo diversi ordini monastici si dedicavano a curare, non solo i mali dello spirito, ma anche del corpo, in modo particolare i benedettini si dedicavano alla cura dei malati, i religiosi erano tra i pochi che sapevano leggere, quindi potevano avere accesso alle conoscenze mediche dei romani e dei greci. Come scritto nell’articolo precedente su questo blog “La Medicina nel Medioevo e l’Abbazia Benedettina di S.Vittore”, la stessa tesi si potrebbe applicare per la Chiesa di Santa Maria di Portonovo. Mentre la Chiesa di San Vittore si trova in una zona conosciuta per le sue acque termali, fin dai tempi dei romani, anche il territorio vicino alla Chiesa di Santa Maria di Portonovo ha una sua peculiarità. In quella zona sono presenti due piccoli laghi, formatisi durante la preistoria, molto vicini al mare, contengono acqua salmastra, che è una miscela di acqua dolce, che viene dalle sorgenti e quella salata del mare. Una particolare acqua, che potrebbe essere stata utilizzata dai monaci per fini medici. Naturalmente queste sono solo ipotesi che hanno bisogno di riscontri. Bisognerebbe svolgere un accurata ricerca storica per vedere se si possono trovare dei riscontri a tale teoria.

Paolo Carnevali

 

 

 

Licenza Creative Commons
Quest’ opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.

Annunci