Poseidon mosaic Terme di Nettuno Ostia Antica

Qui sopra immagine di una porzione dei mosaici di Attidium, riportata dalla pagina di  Facebook , Gli Attidiati

Ostia antica - 010505 02 ostia antica

Diversi mosaici un solo stile: da Attidium a Ostia Antica, mosaici di ambienti acquatici del II secolo d.C.
I mosaici per primo furono utilizzati nel 3000 a.C. dai Sumeri, servivano a proteggere la muratura in mattoni, s’impiegava per la loro realizzazione coni di argilla la cui base era smaltata di colori diversi. Mentre nell’antica Roma, si è iniziata a usare questa tecnica intorno alla fine del III secolo a.C. I mosaici presi in considerazione in questo articolo sono bicromi bianchi e neri, questo stile fece la sua comparsa in epoca adrianea (nella prima metà del II secolo d.C.) tali opere erano sia figurative sia decorative. In questo caso si tratta di opere figurative che ritraggono ambienti acquatici. Osservando i mosaici di Ostia e di Attidium, è interessante notare come le figure abbiano uno stile elegante e chiaro, le tessere bianche sono utilizzare per esaltare e per rendere più precisa, la struttura degli esseri marini rappresentati. Interessate un frammento di mosaico di Attidium in cui sono presenti delle figure acquatiche, la forma della coda più grande, le sinuosità del corpo dell’animale acquatico, elementi che danno l’illusione di movimento, esse sono caratteristiche proprie di questo mosaicista che ritroviamo identiche o quanto meno simili nel Mosaico nel frigidario delle terme dei Cisiarii e in quello Nelle Terme di Nettuno, entrambi a Ostia Antica. Nel mosaico di Attidium possiamo notare una tecnica matura e raffinata rispetto a quella delle terme dei Cisiarii. Naturalmente il mio è un giudizio personale, ma spero che esperti e studiosi possano venire ad Attidium per studiare i resti di questo mosaico, per capire meglio quest’opera d’arte del periodo romano. Il lavoro di valorizzazione del sito di Attidium, dove sono presenti le terme romane, si deve alle istituzioni locali, ma soprattutto agli “Gli Attidiati” Onlus (Frazione Attiggio n°1, 60044 Fabriano, AN) Organizzazione di volontariato per la promozione, valorizzazione e conservazione dei beni d’interesse storico-artistico presenti nel territorio di Attiggio, frazione del comune di Fabriano. Il sito archeologico è sempre meta di ricerche, anche in questi ultimi anni, si pensi a quelle effettuate dall’Associazione culturale Umbria Archeologica su concessione del ministero per i Beni e le Attività Culturali e in collaborazione con l’Università degli Studi di Perugia e con la Soprintendenza ai Beni Archeologici delle Marche nella figura di Maurizio Landolfi, sotto la direzione scientifica di Donatella Scortecci (Docente di Archeologia Cristiana e Medievale all’Università di Perugia). In questa campagna compiuta nel 2013 hanno partecipato 40 studenti provenienti dalle Università di Perugia, Roma e Viterbo. Naturalmente sono state importanti anche le conferenze tenute nel 2008 da parte di professori universitari dell’Università di Genova (http://www.piazzalta.it/Engine/RAServePG.php/P/60291FAB0800/M/31931FAB0100 ).
Paolo Carnevali

Licenza Creative Commons Quest’ opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.

Annunci