Immagine

 

Mercoledì 5 giugno ho assistito alla conferenza su Tuficum della professoressa Giulia Bratta, professore associato di Archeologia e Storia Greca e Romana presso l’Università di Macerata. La conferenza si è tenuta presso la sala conferenze della Fondazione Carifac, ed è stata organizzata dall’Archeoclub di Fabriano. Anche se non ho potuto seguirla interamente, la conferenza era molto interessante. La città di Tuficum fu senza dubbio municipio romano fin dal I sec. a.C. , essa costeggiava il fiume Esino e si estendeva nella lunga ma limitata piana circostante. Interessante è stato anche il dibattito a fine conferenza, dove c’erano stati numerosi interventi, per testimoniare come parte del materiale, in passato, era andato perduto e distrutto. Si è anche parlato dell’opportunità di eseguire degli scavi archeologici, per salvaguardare quello che è rimasto dell’antica Tuficum e qualcuno ha accennato al progetto per realizzare un museo Archeologico a Fabriano. Naturalmente c’è il problema di reperire i fondi. Si potrebbe anche sviluppare anche un ampio progetto per valorizzare e salvaguardare il nostro patrimoni archeologico, creando allo stesso tempo posti di lavoro e ricchezza per il territorio fabrianese.

Paolo Carnevali

 

Licenza Creative Commons
Quest’ opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.

Annunci